THE POLEMICS OF THE PRESIDENT SALERNO

Print it!
star inactivestar inactivestar inactivestar inactivestar inactive
SALERNO IS CONTRADED BY ONLY! The Turin president has a short memory and does not remember that this site has published all his letters, and not only his, directed to President Padovan. Dear Mr. Salerno, I would like to point out to you that in your statement shines misinformation about my work and above all towards the history of women's football in Italy. I am pleased, however, that you are documenting the numbers that distinguish the movement of women's football from other national sports, numbers already known to insiders and institutions. Before going into the specifics, I want to clarify once again what my thoughts on Mr. Padovan are: the estimate I place in the current president dates back to the admiration of the sports character I was following in the television programs and in your work as a newspaper director , so much so that I dared to propose him the presidential candidacy of the DCF and to do with him his electoral campaign. Despite this, I did not hesitate to strongly criticize his choices as I never believed that he "could multiply the fish". Together we formed "we change women's football", confident of bringing new stimuli to the movement. The program is known to everyone and after a year of presidency, the DCF has achieved some milestones while others are developing. In this regard I am preparing a summary of his programs in view of the famous expiration of the 2 years that the president set himself at the time of his election. Having made this brief introduction, which everyone already knew, return to the content of your valuable to specify that my work is not so dictated by the duty of news as by MY personal way of seeing and managing the site, CONSTRUCTED only by my principles and my mentality, uncompromising, incorruptible and always above all personal interests. Features that have led me to undertake great battles in favor of ALL and against ALL, only to my detriment, without looking in the face of people but analyzing concepts and content. This independence of mine allows ... I PUBLISHED THE COMMENTS OF THIS ARTICLE THE REPLY OF THE PRESIDENT SALERNO ... stesse società, atlete, dirigenti, DCF, AIC, comprese le nuove iniziative, dulcis in fundus la nascita dell’AIP – di cui ho ideato il logo, realizzato da una grafica di mia fiducia - di trovare in questo sito un luogo a disposizione per intraprendere e discutere i vari aspetti e problematica che accompagnano il movimento nella sua crescita con la speranza futura che, questo sito, si trasformi in un luogo di dibattito costruttivo e promotore di idee e suggerimenti per il benessere e la sana crescita di tutto il movimento, unito. Non devo niente a nessuno e faccio quello che IO ritengo giusto fare. Tra le poche persone che hanno provato, inutilmente, ad influenzare le mie idee, ci tengo ad escludere il Sig. Padovan, che mai si è permesso di influenzare le mie strategie neanche ai tempi della Sua campagna elettorale, nonostante che molti lo volessero far credere per difendere i propri interessi. Così come considero serio e professionale il confronto che ho con Lei e con tanti altri presidenti con cui non condivido alcune idea ma che rispetto per la serietà e franchezza con cui ci confrontiamo. Alcuni presidenti hanno fatto l'embargo verso l'isola felice di calciodonne.it. (avremmo modo di parlare anche di questa situazione) Pertanto, pubblicare la sentenza che la Corte Federale ha emesso nei suoi confronti o nei confronti di chicchessia è per me un fatto dovuto (vogliamo nascondere la realtà???) visto che chiude una polemica portata avanti IN QUESTO SITO e non è un favore che faccio, come Lei allude maliziosamente o forse provocatoriamente al “presidentissimo” che Lei ha votato (renderem noto anche i motivi della Sua rinnegazione?). Guardando oltre e non soffermandosi solo su quello che fa dispiacere: calciodonne.it mostra ancora in bella vista la Sua lotta contro LA CAUSA DI LAVORO e lo spazio dedicato alla battaglia legale intrapresa dall’AIC per togliere le catene alle calciatrici, oppure le Sue battaglie nei confronti del presidente. Mi sembra che il Suo comunicato si contraddica da solo e per questo, trovo, veramente ridicole e infondate le Sue titubanze e insinuazioni ma ci tengo a rassicurarla che il mio lavoro non è condizionabile. Sono altresì consapevole che il mio operato è soggetto a balzi di critiche e in tanti casi diventa scomodo e impopolare ma io credo che bisogna evitare “favori” per agire nel bene di un’intera comunità e per garantire questa imparzialità si rende necessario pubblicare ogni notizia (che io ritengo giusto pubblicare visto che sono l'UNICO responsabile) e non solo quelle che fanno piacere ai diretti interessati. Faccio un esempio: prendiamo la sentenza della CORTE FEDERALE sui ricorsi respinti alle 4 società esposte in home page: LAZIO, MILAN, MARSALA e CUNEO. Prendiamo il Marsala? Questa è una società che io conosco da tempo (come quasi tutte) e che reputo una delle società Italiane più serie e organizzate della categoria serie A2-B - Lavorano sui settori giovanili, sulla comunicazione e visibilità, hanno un sito web sempre aggiornato, realizzano i video delle partite, dispongono di un ufficio stampa effeciente e organizzato - tanto che alcuni giorni fa ho proposto al Sig. Chirco – mister competente e attento alle nuove metodologie di allenamento e di tattica - due giovani calciatrici di talento ancora inesploso ma che io ritengo serie e professionali. (Sia ben chiaro, IO non faccio il procuratore di calciatrici e quando mi muovo lo faccio gratuitamente osservando le “REGOLE”). La stima e la fiducia che nutro nei confronti della società isolana e nei suoi dirigenti non avrebbero giustificato l’inosservanza della sentenza FEDERALE pur conoscendo e comprendendo le vicissitudini del tutto involontarie che hanno portato la società ad incorrere in questo provvedimento. Pertanto, pubblico la sentenza nonostante la mia spiccata simpatia verso i Marsalesi. Altra società in cui ripongo simpatia e rispetto è la PInk Sport Bari, di cui ho pubblicato su questo sito la loro denuncia contro i ripetuti atti violenti della società Pro Reggina, di cui ho pubblicato i loro dissenzi contro la decisione presa dalla DCF di spostare la partita Vesevus - Marsala e la denuncia del presidente Padovan alla C.F. Visto il regolamento in vigore, non mi sono trovato d'accordo con le affermazioni della società pugliese ma ho pubblicato il loro articolo e adesso siamo in attesa della decisione della corte federale: poi si pubblica la sentenza. Potrei continuare all'infinito ma possiamo sfogliare gli archivi ddi questo sito per leggere ogni documento. Presidente Salerno, vorrei consigliare inutili polemiche e casomai pretendere maggiori risultati oppure seguire le norme imposte dalla Giustizia sportiva per denunciare fatti e misfatti. Da parte mia, rinnovo l’impegno a garantire, come sempre, informazione sportiva e spazio per le discussioni nell’interesse di tutti. Le mie attività sono alla luce del sole e credo godono di esperienza e conoscenza di tutto il movimento, su queste basi, ho presentato alla DCF progetti concreti e innovativi da realizzare in questa nuova stagione con la collaborazione di personale competente e qualificato ma escludono la filosofia di questo portale. Questi sono i principi che portano avanti il mio operato da 15 anni e questi principi rimarranno tali fino a quando deciderò di tenere in vita questo sito. Con osservanza, Walter Pettinati
Author: adminEmail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.